Strumenti Utente

Strumenti Sito


definizione

Definizione di Rete Senza Fili Collettiva

La definizione di ciò che delinea una “community wireless network” (rete senza fili collettiva) è in continuo mutamento. Diverse persone, singoli e gruppi, stanno cercando di risolvere i problemi seguendo strade diverse. Le linee di approccio vanno dalla distribuzione di accessi internet no-cost, attraverso punti d’accesso indipendenti (standalone hotspots), alla creazione di reti locali cittadine (C-WAN) completamente slegate da internet. Solo il tempo potrà dirci quale sia la strada più efficace da seguire per creare una Community Wireless Network.

Alla fine abbiamo cercato di dare una definizione concisa di quelle che sono le caratteristiche fondamentali di una rete collettiva e, allo stesso tempo, delineare il profilo di ciò che secondo noi è importante considerare.

Non-Discriminatory Routing (Smistamento non discriminante)

Per garantire una totale accessibilità alla rete è importante creare dei protocolli che permettano al traffico dati di viaggiare liberamente all’interno della rete. I nodi della rete dovrebbero lasciar fluire il traffico indipendentemente dall’origine, dalla destinazione o dal contenuto dell’informazione. Sarà importante concedere ai gestori dei nodi la possibilità di combattere eventuali attività abusive, ma dove fosse possibile i protocolli di routing dovrebbero essere aperti quanto più non sia necessario il loro controllo.

Organic Growth (Crescita organica)

Le barriere che delimitano l’accesso dovrebbero essere mantenute ai livelli più bassi. Per permettere la crescita della rete si dovrebbero ridurre, dove fosse necessario, le pratiche burocratiche e amministrative per l’accesso. Più in generale, l’unica preoccupazione dovrebbe essere quella di trovare qualcuno già connesso alla rete e apprenderne la configurazione. Un pò come è stato per la crescita iniziale di Internet.

Mesh Networking (Interconnessione di reti)

Perchè il lavoro volontario possa continuare ad essere la base di queste reti è importante che quest’ultime necessitino di poca manutenzione. Dovrebbero essere strutturate in modo da permettere, in caso di danneggiamenti, un ripristino veloce ed efficiente. Il concatenamento di rete permette ai nuovi nodi di essere automaticamente riconosciuti e integrati nella rete, mentre ai nodi non più in funzione di essere esclusi automaticamente per poter così ottimizzare le prestazioni della rete in tempo reale.

Distributed Ownership (Distribuzione della proprietà)

Quando la rete, crescendo, inizierà ad assumere proporzioni notevoli ci saranno tentativi di controllo sulla stessa per ottenere profitti personali. Assicurandoci che la proprietà della rete sia distribuita attraverso la comunità nel suo insieme, possiamo fare in modo che non si crei un monopolio.

Best Effort (Massimo sforzo)

E’ importante evitare di soffermarsi troppo su ciò che concerne l’affidabilità della rete. Adottare il principio di “best effort”(cioè non prevedere una priorità dei pacchetti in base all'informazione in essi contenuta), uno dei principi su cui si fonda Internet, significa non appesantire la rete e lasciarle più libertà di crescita. Dobbiamo anche definire regole che precisino come il traffico debba fluire all’interno della rete, evitando così che gli utenti possano cadere in errore nel tentativo di controllarlo.

End-to-End Connectivity (Connessione punto a punto)

Allo scopo di massimizzare le potenzialità della rete è vitale che ci sia una connessione reale tra tutti i punti della rete. Questo significa che due utenti possono connettersi fra loro senza l’ausilio di terze parti. Ciò permette a tutti i dispositivi che ne abbiano la possibilità di offrire la funzione di server.

Fully Routable Addresses (Indirizzi completamente raggiungibili)

Una rete collettiva cittadina avrebbe poco senso senza una connessione ad Internet, e quindi deve essere valorizzata permettendo una connessione a doppio senso verso Internet. Non solo i punti della rete senza fili devono poter raggiungere gli indirizzi nel web, ma devono essere a loro volta visibili e raggiungibili dal web stesso. Questo può aggiungere nuove possibilità di fornire servizi in tutto il mondo partendo da un punto qualsiasi della rete collettiva.

Fault Isolation (Isolamento delle falle)

Purtroppo è inevitabile che in una rete aperta si possano verificare delle attività abusive. La rete deve essere progettata per limitare i danni che un singolo attacco può causare. Dovuto alla natura delle reti senza fili, esistono delle violazioni da cui è impossibile proteggersi, ma un abuso da parte del vicinato non sortirà effetti negativi sul proprio traffico.

Anonymous Access (Accesso anonimo)

L’anonimia di parola è uno dei requisiti di una società libera e una rete senza fili fornisce una perfetta piattaforma per supportarla. E’ importante non lasciare che la possibilità di restare anonimi diventi marginale durante la costruzione della rete.

Building Use and Generating Content (Miglioramento d’uso e creazione contenuti)

Più persone utilizzeranno la rete, più persone avranno un reale interesse nella continuità della sua esistenza. La creazione di contenuti che nascono all’interno di una rete senza fili può essere la chiave per migliorarne l’utilizzo. Più efficiente sarà la rete e più servizi saranno direttamente fruibili, maggiori saranno le risorse che avremo a disposizione per ottimizzare la rete stessa.

Responsibility (Responsabilità)

Poichè i nodi collettivi sono sotto la verifica della comunità, ogni operatore di nodo deve assumersi una responsabilità personale e ogni gruppo di nodi una responsabilità collettiva per comprendere le modalità necessarie all’ aggregazione tra i vari nodi e la rete. Senza identificare individui, filtrare o esaminare contenuti, le reti necessitano di meccanismi che prevengano la distruzione della comunità, preservando i diritti individuali e collettivi. Poichè ormai molti tipi di violazioni e di attacchi sono facilmente identificabili, l’obiettivo della comunità è quello di sviluppare strumenti in grado di riconoscere e bloccare automaticamente eventuali comportamenti nocivi conosciuti, senza penalizzare in alcun modo singoli o organizzazioni per il comportamento di terzi a loro insaputa o al di fuori del loro controllo.

definizione.txt · Ultima modifica: 2014/05/28 08:09 da ::ffff:95.242.225.23